Guida per esordienti al primo torneo

Ecco alcuni punti da sapere per chi si appresta per la prima volta a prendere parte ad un torneo:

  • Arrivati in sala di gioco, presentatevi all'organizzazione per regolazizzare la vostra registrazione al torneo. Successivamente dovrete attendere finché saranno esposti gli abbinamenti del primo turno. Controllate il numero di scacchiera/tavolo dove dovrete giocare e con quale colore. Il primo nominativo ha i pezzi bianchi, il secondo i neri.
     

  • Prima di iniziare la partita, è consuetudine stringere la mano all'avversario in segno di sportività e rispetto. Stessa cosa a partita conclusa quando, solitamente, è il perdente che la tende in segno di resa oppure chi accetta una proposta di patta avanzata dall'avversario.
     

  • Nei tornei a tempo lungo ufficiali (omologati alla Federazione Scacchistica Italiana) è obbligatorio annotare le mosse della partita (dovrete quindi conoscere la "notazione algebrica") nell'apposito formulario fornito dall'organizzazione. A fine partita le copie originali (solitamente bianche) vanno consegnate (firmate da entrambi i contendenti e con l'esito della partita 1-0 vittoria Bianco, 1/2 patta, 0-1 vittoria Nero) all'arbitro a cura del vincitore della partita (in caso di patta, a cura del giocatore che aveva il Bianco). Le copie non originali (solitamente gialle) sono invece per i giocatori.
    Se la partita non è trascritta, non essendoci l'obbligo (torneo non omologato oppure cadenza di gioco rapida etc), il vincitore (o il Bianco in caso di patta) dovrà annotare il risultato sul foglio degli abbinamenti.
     

  • Usate la stessa mano per muovere e spingere l'orologio. Non è infatti ammesso compiere queste due operazioni usando due mani.
     

  • Annunciare "scacco" non è necessario, tuttavia non è proibito. Il farlo solitamente denota che si è principianti, in tornei agonistici è raro sentire qualcuno che annuncia lo scacco.
     

  • Il "pezzo toccato" è una regola universalmente applicata negli scacchi e tale regola diventa ancora più fiscale in torneo. Se toccate un pezzo dovete muoverlo scegliendo una qualsiasi mossa legale disponibile con il pezzo in questione. Eseguendo una mossa, finché non lasciate il pezzo potrete cambiare la mossa di quel pezzo scegliendone una qualsiasi altra legale. Quando lo lasciate, la mossa è definitiva.
    Arroccando eseguite prima la mossa del Re e poi quella della Torre.
    Se avete bisogno di aggiustare uno o più pezzi sulla scacchiera, centrandoli nelle loro case, ricordatevi prima di farlo di avvertire l'avversario dicendo "acconcio".
     

  • Non potete allontanarvi dal tavolo (ad esempio per andare alla toilette) quando tocca a voi la mossa. Prima di farlo, eseguite la vostra mossa per poi allontanarvi cercando di non recare disturbo all'avversario. Se l'avversario muove mentre siete assenti, il vostro orologio sarà comunque messo in moto.
     

  • Il momento corretto, nel caso vogliate offrire la patta d'accordo all'avversario, è immediatamente dopo avere eseguito la propria mossa e prima di avere schiacciato l'orologio. L'avversario potrà riflettere sulla vostra proposta per poi accettare tendendovi la mano oppure rifiutare verbalmente o semplicemente eseguendo la propria mossa (azione che fa decadere automaticamente la proposta che avete avanzato).

  • Se eseguite una mossa illegale e l'avversario la reclama, verranno aggiunti dall'arbitro due minuti al tempo del reclamante. Una seconda infrazione, sempre reclamata dall'avversario, comporterà la perdita della partita. NB: questa regola può essere variata in certi tornei da club (non omologati), verrà comunque sempre specificato prima dell'inizio del torneo.

  • Se il vostro cellulare suona mentre avete una partita in corso, l'arbitro, applicando il regolamento ufficiale FIDE, può darvi partita persa. Di norma, i cellulari e qualsiasi apparato elettronico, non sono ammessi nella sala di gioco oppure devono essere consegnati all'organizzazione prima dell'inizio della partita. Consultate sempre quanto specificato sul bando del torneo a questo proposito.
     

  • A partita conclusa, potreste volere analizzare la partita assieme al vostro avversario. Non fatelo mai in sala di gioco ma recatevi nella sala adibita a questo scopo ("sala analisi", ovviamente se disponibile) dove potrete parlare liberamente.

    Nel compliare questa guida, abbiamo cercato di fornire le informazioni più importanti e di non dare nulla per scontato, mettendoci nei panni di chi non ha mai giocato in un torneo di scacchi. Nel caso doveste avere dubbi/ulteriori domande, potete scriverci a info@clubscacchicesena.it. Saremo ben lieti di aiutarvi.

 

 

  Homepage
©2009-2018 Club Scacchi Cesena
info@clubscacchicesena.it